Ritrarre il presente
La pittura italiana fra meta-dimensione e meta-realtà

Elisa Carollo, Edoardo De Cobelli La generazione nata tra la metà degli anni Ottanta e la fine dei Novanta è stata la prima nativa digitale, crescendo e formando la propria identità, personale e artistica, nell’ambito di una negoziazione costante fra spazio digitale e fisico. Dalle PlayStation e i Nintendo degli anni Novanta, alle community online […]

Il corpo collettivo
Note sulla Milano dei primi anni Duemila

Francesca Guerisoli Nel primo decennio del Duemila, erano numerosi gli operatori culturali, nati tra anni Settanta e prima metà degli Ottanta, che guardavano sia alle pratiche sociali sia al lavoro di squadra. In particolare, a Milano, i ‘giovani’ lavoratori dell’universo artistico si erano formati e avevano mosso i primi passi in un territorio vitale e […]

Due parallele
Analisi di un paradosso esistenziale tra due generazioni di artisti

Lucrezia Longobardi Il passaggio dagli anni Dieci agli anni Venti di questo secolo, ha prodotto la compresenza di due generazioni, attive parallelamente nell’arte italiana. In realtà le generazioni sarebbero tre: quella che, nella sociologia della fine del millennio precedente, era identificata con la lettera X, e quelle che seguirono col volgere del secolo, identificate con […]

Una realtà allargata
Maschera e volto del realismo contemporaneo

Marco Senaldi «Io non conosco il futuro, non sono venuto qui a dirvi come andrà a finire:sono venuto a dirvi come comincerà».The Matrix Per alcuni aspetti, si potrebbe sostenere che The Matrix – il film del 1999 che ha suscitato tanto successo di pubblico quanto dibattito fra i filosofi[1] – sia stato sottovalutato. Certo, il […]

L’Identità diffusa
Appunti sulla relazione attuale tra filosofia e arti visive

Angel Moya Garcia I rapporti tra filosofia e arti visive sono sempre stati delicati. Iniziati ufficialmente a metà Settecento, quando Baumgarten inventò l’estetica[1], si sono complicati successivamente con l’avvento della linguistica, lo strutturalismo, la semiologia e l’ermeneutica. La filosofia è una forma di indagine razionale, tende a essere sistematica, riflette criticamente sui propri metodi e […]

Tecnologie della speranza
Una conversazione con Luciano Floridi

Gian Maria Tosatti Il valore di alcuni elementi culturali è misurabile osservando la loro diffusione all’interno della letteratura popolare. In questi anni il concetto di avatar, per esempio, ha travalicato i confini del mondo tecnico digitale a cui appartiene, ed è diventato un fattore di grande attrazione per il cinema e, soprattutto, per le serie […]

In mille pezzi
Una lettura di Extreme Self di Basar, Coupland e Obrist

Chiara Bardelli Nonino Si racconta che, per il timore di infrangersi in mille pezzi, re Carlo VI di Francia girasse imbottito di coperte dalla testa ai piedi. La cosiddetta ‘glass delusion’ aveva raggiunto il picco: apparentemente, gli avanzamenti nella lavorazione del vetro avevano non solo scatenato associazioni con magia nera e alchimia, ma originato una […]

Un oscuro scrutare
Osservazioni preliminari sul metaverso

Nicolas Martino Da più parti si insiste ormai sull’avvento di quella che sembra un’altra grande trasformazione del mondo, un salto di qualità, diciamo così, in virtù del quale la realtà come l’abbiamo conosciuta finora diventerà completamente diversa, un ‘fuori’ estraneo e aumentato. Una rivoluzione, qualcuno la chiama già involuzione, tanto difficile da immaginare nei suoi […]

Archiviare il presente
Il punto di vista degli artisti

Lorenzo Madaro Il tema dell’archivio è uno dei più urgenti per una propedeutica ricostruzione di una nuova storia degli artisti e dell’arte, grazie a un lavoro che non può che essere sistematico nella ricognizione di dati, tracce, testimonianze, documenti (anche quelli apparentemente marginali), opere, e quanto possibile per una rielaborazione di vicende più o meno […]

Pietre di paragone
Il modello di «Teatro e Storia»

Mirella Schino Quella che sto per raccontare è una storia sul teatro e i suoi studi, ma anche interessante in sé, che riguarda le fondamenta della memoria: il rapporto, molto diverso dal consueto, che diversi anni fa si creò tra un gruppo particolare di studiosi e alcuni particolari teatranti. Tra studi e pratiche. Ma è […]